Il telelavoro non è una visione

Comunicato stampa — 28.04.2017
Distretto Locarnese e Valli

La mobilità dei dati rappresenta una sfida importante per il mondo del lavoro di domani e può dare un impulso significativo all'economia, aumentando anche l'attrattiva delle zone periferiche, sempre più confrontate con il fenomeno dello spopolamento e con le accresciute difficoltà nell'attrarre attività economiche.

Il telelavoro può avere conseguenze molto positive che ricadono direttamente sulla crescita economica, sul buon funzionamento del mercato del lavoro e su di un migliore utilizzo del capitale umano. Con la mozione «Fibra ottica a domicilio: non perdiamo tempo!» e con la mozione sul telelavoro lanciata da Nicola Pini e Natalia Ferrara appena accolta dal Consiglio di Stato, il PLR si è dimostrato lungimirante e proattivo per favorire uno sviluppo concreto e sostenibile del Cantone e delle zone periferiche. Aumentando la qualità di vita in queste zone, si possono spingere neofamiglie a decidere di insediarsi nelle Valli portando nuova linfa in queste regioni, creando maggiore competitività con la possibilità di insediare nuove attività. E non solo: una maggior flessibilità consentirebbe alle famiglie una miglior organizzazione del tempo, consentendo ad entrambe i coniugi di proseguire la propria carriera professionale. Una vera rivoluzione in tema di conciliazione di lavoro e famiglia! Senza dimenticare che la possibilità di accedere velocemente a una moltitudine di dati creerà delle condizioni favorevoli per la ricerca, le nuove invenzioni e la formazione. è dunque compito dei cittadini e della politica, in special modo per i giovani che sono cresciuti con l'informatica, dar loro la possibilità di sfruttare al meglio queste risorse innovative.

Il PLR ci ha visto, come si suol dire, lungo: le barriere principali allo sviluppo delle regioni periferiche sono dovute alla mancanza di possibilitaì di accesso. Lo sviluppo della modalitaì del telelavoro può essere uno strumento per migliorare la qualitaì della vita di tutti. Il telelavoro non è dunque solo una visione, ma una giusta priorità.